Ricerca:

 
 
 
   

 

 

 




   






















 
 

EPC Editore su GeoExpo

Sicurezza

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12
72587
   

    

  Agenti fisici rumore, vibrazioni, campi elettromagnetici e radiazioni ottiche
Masciocchi Pierpaolo
 
Edizione: settembre 2009
Pagine: 416 pg
Formato: 150x210 mm
ISBN: 978-88-6310-164-5
 
Euro 30,00
 
- 15%
Euro 25,50
 
Disponibilità: SPESE DI SPEDIZIONE GRATIS
 

Nuove misure di protezione contro i rischi da esposizione secondo il D.Lgs. 81/08 modificato dal D.Lgs. 106/09

Obblighi, sanzioni e responsabilità

Modulistica, check-list ed esempi pratici

Risposte applicative a quesiti tecnici

CD-Rom contenente corso su slide in powerpoint per la formazione in aula della durata di 16 ore

Come difendere i lavoratori dall’esposizione ai cosiddetti “agenti fisici”. Dalla valutazione alle misure di prevenzione, dagli obblighi alle responsabilità del datore di lavoro, il tutto alla luce delle nuove norme previste dal D.Lgs. 106/09, il provvedimento che ha modificato il testo unico sulla sicurezza del lavoro. Uno strumento pratico in grado di offrire non solo alcune nozioni generali utili per la valutazione dei rischi da esposizione ad agenti fisici, ma anche criteri operativi a fronte delle obiettive e molteplici difficoltà emerse in sede di interpretazione ed applicazione legislativa.

Nella prima parte del manuale, aggiornato anche alla luce della recente norma UNI 9432:2008, sono evidenziate le norme generali di riferimento, viene descritto il procedimento per la valutazione dei rischi con particolare riferimento al rumore, alle vibrazioni, ai campi elettromagnetici ed alle radiazioni ottiche artificiali. Sono inoltre esposte le tecniche e le procedure per una corretta redazione del documento di valutazione, sulla base dei principali fattori di pericolo e di rischio.

La seconda parte contiene disposizioni generali applicabili ai vari fattori di rischio, dalle attrezzature di lavoro ai dispositivi di protezione individuale. Nell’ultima parte viene sviluppata un’analisi tecnico giuridica della vigente normativa in tema di responsabilità del datore di lavoro, del medico competente e delle altre figure coinvolte nella gestione della salute e della sicurezza e viene fornita un’illustrazione analitica del nuovo apparato sanzionatorio.

Completa il volume una rassegna ragionata di risposte ai quesiti più significativi su tematiche applicative ed interpretative afferenti al D.Lgs 81/08. Il testo è arricchito con una serie di esempi pratici e replicabili, con la principale modulistica di riferimento, con questionari e check-list per una migliore e più approfondita valutazione delle condizioni di rischi aziendali.

Nel CD-Rom allegato è infine presente un corso su slide in powerpoint per la formazione in aula della durata di 16 ore.

Indice

Introduzione

PRIMA PARTE
MISURE GENERALI CONTRO I RISCHI DA ESPOSIZIONE AD AGENTI FISICI

CAPITOLO 1
Il processo generale di valutazione dei rischi in caso di esposizione ad agenti fisici

1.1 Premessa

1.2 Valutazione dei rischi

1.3 Campo di applicazione

1.4 Significato della valutazione

1.5 La soggettività nel valutare

1.6 Valutazione semplificata e primi approcci alla valutazione

1.7 Quando iniziare il processo di valutazione

1.8 Chi concorre alla valutazione

1.9 Obiettivi della valutazione dei rischi

1.9.1 Criteri generali

1.9.2 Fasi preliminari

1.9.3 Metodologia

1.9.3.1 Identificazione dei fattori di rischio

1.9.3.2 Identificazione dei lavoratori esposti

1.9.3.3 Stima dell’entità delle esposizioni ai pericoli

1.9.3.4 Stima della gravità e della probabilità degli effetti

1.9.3.5 Programmazione o messa in atto delle misure di prevenzione

1.10 Contenuti del documento sulla valutazione dei rischi

1.11 Strumenti e procedure per la “datazione” del documento di valutazione dei rischi

1.12 Esempi di situazioni e di attività lavorative che richiedono una valutazione dei rischi

CAPITOLO 2
Protezione dei lavoratori contro i rischi da esposizione al rumore

2.1 Protezione dei lavoratori contro i rischi di esposizione al rumore

2.1.1 Premessa

2.1.2 Grandezze fisiche, unità di misura e caratteristiche del rumore

2.1.3 Principi e metodi di misura

2.1.4 Campo di applicazione e definizioni

2.1.5 Valori limite di esposizione e valori di azione

2.1.6 Valutazione del rischio

2.1.7 Valutazione di attività a livello di esposizione molto variabile

2.1.8 Misure di prevenzione e protezione

2.1.9 Uso dei dispositivi di protezione individuali

2.1.10 Informazione e formazione dei lavoratori e sorveglianza sanitaria

2.1.11 Sorveglianza sanitaria

2.1.12 Deroghe

2.2 Valutazione del rumore

2.2.1 Valutazione senza misurazioni

2.2.2 Valutazione con misurazioni

2.2.2.1 Personale competente

2.2.2.2 Strumentazione per le misurazioni del rumore

2.2.2.3 Utilizzo del LEX,8h e del LEx,w

2.2.2.4 Lavoratori stagionali e a tempo determinato, lavoro temporaneo

2.3 Valutazione dei rischi

2.4 Azioni conseguenti alla valutazione

2.4.1 Misure tecniche, organizzative e procedurali

2.4.2 Segnalazione, perimetrazione e limitazione d’accesso dei luoghi a forte rischio

2.4.3 Controlli sanitari preventivi e periodici

2.4.3.1 Giudizio di idoneità specifica al lavoro e misure per singoli lavoratori

2.4.3.2 Controllo sanitario per lavoratori esposti a livelli superiori ai valori inferiori di azione

2.4.4 Lavoro minorile

2.4.5 Lavoratrici madri

2.4.6 Sistemi di prevenzione e di bonifica

2.5 Lista di controllo

CAPITOLO 3
Protezione dei lavoratori contro i rischi da vibrazione

3.1 Inquadramento normativo

3.2 Vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio

3.2.1 Identificazione e caratterizzazione del rischio

3.2.2 Effetti delle vibrazioni trasmesse al sistema mano

3.2.2.1 La neuropatia da vibranti

3.2.2.2 L’osteoartropatia da vibranti

3.2.2.3 L’angiopatia da vibranti

3.2.2.4 Altre possibili patologie da vibranti

3.2.3 Definizioni e parametri

3.2.4 Criteri di valutazione del rischio

3.2.5 Valutazione del rischio: generalità

3.2.5.1 Valutazione senza misurazioni

3.2.5.2 Valutazione con misurazioni

3.2.5.3 Relazione tecnica

3.2.6 Rapporto di valutazione

3.2.7 Azioni conseguenti la valutazione

3.2.8 Controlli sanitari preventivi e periodici

3.2.8.1 La visita medica preventiva

3.2.8.2 La visita medica periodica

3.2.8.3 Indagini specialistiche

3.2.8.4 Il giudizio di idoneità lavorativa

3.2.9 Dispositivi di protezione individuale

3.3 Vibrazioni trasmesse al corpo intero

3.3.1 Identificazione e caratterizzazione del rischio

3.3.2 Effetti delle vibrazioni trasmesse al corpo intero

3.3.2.1 Patologie del rachide lombare

3.3.2.2 Disturbi cervico-brachiali

3.3.2.3 Disturbi digestivi

3.3.2.4 Effetti sull'apparato riproduttivo

3.3.2.5 Disturbi circolatori

3.3.2.6 Effetti cocleo-vestibolari

3.3.3 Definizioni e parametri

3.3.4 Criteri di valutazione del rischio

3.3.5 Valutazione del rischio: generalità

3.3.5.1 Valutazione senza misurazioni

3.3.5.2 Valutazione con misurazioni

3.3.5.3 Relazione tecnica

3.3.6 Rapporto di valutazione

3.3.7 Azioni conseguenti la valutazione

3.3.8 Controlli sanitari preventivi e periodici

3.3.8.1 La visita medica preventiva

3.3.8.2 La visita medica periodica

3.3.8.3 Il giudizio di idoneità lavorativa

CAPITOLO 4
Protezione dei lavoratori contro i rischi da esposizione a campi elettromagnetici

4.1 Premessa e principali definizioni

4.2 Interazioni

4.3 Frequenze e unità di misura

4.4 Valori limite di esposizione

4.5 Valori di azione

4.6 Sorgenti di radiofrequenze e microonde

4.7 Effetti sull'uomo e limiti derivati

4.8 Valutazione del rischio

4.9 Misure di prevenzione e protezione

4.10 Strumentazione, metodi di misura e di bonifica

4.11 Informazione e formazione

4.12 Sorveglianza sanitaria

4.13 Effetti sanitari derivanti dall’esposizione ad radiazioni elettromagnetiche

4.14 Schede didattiche

CAPITOLO 5
Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a radiazioni ottiche artificiali

5.1 Premessa

5.2 Campo di applicazione

5.3 Sorgenti di radiazione ottica

5.4 Effetti sull’uomo

5.5 Limiti di esposizione

5.6 Valutazione dei rischi

5.7 Riduzione dei rischi

5.8 Sorveglianza sanitaria

SECONDA PARTE
DISPOSIZIONI COMUNI PER LA PROTEZIONE DALL’ESPOSIZIONE DA AGENTI FISICI

CAPITOLO 6
I dispositivi di protezione dall’esposizione ad agenti fisici

6.1 Definizioni

6.2 Uso e requisiti

6.3 Obblighi del datore di lavoro

6.4 Obblighi dei lavoratori

6.5 Valutazione dei rischi con riferimento ai DPI

6.6 Criteri di scelta e caratteristiche da individuare per i DPI

6.7 Elenco dei principali dispositivi di protezione e delle modalità di utilizzo

6.7.1 Guanti

6.7.2 Indumenti anticalore

6.7.3 Occhiali, visiere e schermi

6.7.4 Otoprotettori

6.7.5 Elmetti, caschi e cuffie

6.7.6 Scarpe di sicurezza

6.7.7 Protezione personale degli occhi

6.7.7.1 Filtri ultravioletti

6.7.7.2 Filtri infrarossi

6.8 Indicazioni per la valutazione dei dispositivi di protezione individuale

6.9 Schema per l’inventario dei rischi ai fini dell’impiego di attrezzature di protezione individuale

CAPITOLO 7
Uso delle attrezzature di lavoro

7.1 Definizioni

7.2 Disposizioni generali concernenti l’uso delle attrezzature di lavoro in caso di esposizione ad agenti fisici

7.3 Requisiti di sicurezza

7.3.1 Requisiti generali applicabili a tutte le attrezzature di lavoro

7.3.2 Prescrizioni supplementari applicabili ad attrezzature di lavoro specifiche

7.4 Obblighi del datore di lavoro

7.5 Informazione e formazione e addestramento

7.6 Check-list per le verifiche delle attrezzature di lavoro

TERZA PARTE
PROFILI DI RESPONSABILITÀ, APPARATO SANZIONATORIO ED INDICAZIONI OPERATIVE PER UNA CORRETTA ATTUAZIONE DELLE NORME

CAPITOLO 8
Profili di responsabilità

8.1 I destinatari degli obblighi di sicurezza

8.2 L’obbligo di sicurezza e l’organizzazione aziendale dell’emergenza

8.3 Il dovere di controllo e vigilanza del datore di lavoro

8.4 Limiti della responsabilità del datore di lavoro

8.5 Il datore di lavoro nel settore pubblico

8.6 La responsabilità del datore di lavoro nella prassi giurisprudenziale

8.6.1 Violazione dell’obbligo di igiene e sicurezza: conseguenze penali

8.6.2 Applicabilità delle sanzioni sostitutive

8.6.3 Momento consumativo del reato di lesioni personali colpose

8.6.4 Diffida e oblazione

8.7 Le responsabilità penali del medico competente: le contravvenzioni ed i delitti di evento

(morte o lesioni del lavoratore)

8.8 La procedura di cui al D.Lgs. 758/94

8.9 La responsabilità professionale del medico competente dipendente di un ente pubblico

CAPITOLO 9
Apparato sanzionatorio

9.1 Disposizioni in materia penale e di procedura penale

9.1.1 Principio di specialità ed esercizio di poteri sostitutivi

9.1.2 Omicidio colposo o lesioni commesse con violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro

9.2 Applicabilità delle disposizioni in materia di prescrizione ed estinzione dei reati ed estinzione agevolata degli illeciti amministrativi a seguito di regolarizzazione

9.2.1 Definizione delle controversie punite con la sola pena dell’arresto

9.2.2 Potere di disposizione

9.2.3 Esercizio dei diritti della persona offesa

9.2.4 Rivalutazione automatica delle ammende e delle sanzioni amministrative pecuniarie

9.3 Sanzioni per la violazione delle norme a tutela

dei lavoratori dall’esposizione ad agenti fisici

CAPITOLO 10
Indicazioni operative per una corretta applicazione delle norme

10.1 Capo I del D.Lgs. 81/2008 – Disposizioni generali

10.2 Capo II del D.Lgs. 81/2008 – Rumore

10.3 Capo III del D.Lgs. 81/2008 – Vibrazioni

10.4 Sul Capo IV del D.Lgs. 81/2008
– Campi elettromagnetici


 
 
 
 
 
 

 
Quantità

  Metti nel carrello
  esamina il carrello

  

  

72536
   

    

  La nuova normativa di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro
a cura di P. R. Pais
 
Edizione: II edizione - settembre 2009
Pagine: 710 pg
Formato: 170x240 mm
ISBN: 978-88-6310-162-1
 
Euro 27,00
 
- 15%
Euro 22,95
 
Disponibilità: SPESE DI SPEDIZIONE GRATIS
 

D.Lgs. 81/08 coordinato con le modifiche introdotte dal D.Lgs. 106/09

  • Tabella di comparazione commentata del D.Lgs. 81/08 prima e dopo le novità introdotte dal D.Lgs. 106/09

  • Tabella delle nuove sanzioni introdotte dal D.Lgs.106/09 con riferimento normativo, obbligo e soggetto sanzionato, natura e misura della sanzione

  • Tabella dei nuovi adempimenti del D.Lgs 81/08 modificato dal D.Lgs. 106/09 completa di soggetto obbligato ed entrata in vigore

  • Primo commento della magistratura al mutato quadro sanzionatorio

  • Testo del D.Lgs. 81/08 coordinato con il D.Lgs. 106/09

Testo Unico sulla Sicurezza, si cambia.

Dal 3 agosto sono operative le norme approvate dal governo che introducono importanti variazioni al D.Lgs. 81 del 2008, il provvedimento-chiave in materia di prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro.

Le novità sono rilevanti. Sono stati modificati obblighi sia di carattere generale che particolare. L’esecutivo ha deciso un riordino degli adempimenti in materia di appalti, forniture e lavoro autonomo. C’è stato, infine, un completo riassetto del sistema delle responsabilità e del quadro sanzionatorio. Quanto basta per spingere gli operatori del settore ad un rapido aggiornamento delle loro conoscenze.

Di qui l’importanza del volume, studiato proprio per venire incontro a questa esigenza in maniera pratica e veloce.

Così come nella precedente edizione, il punto di forza del libro è nei quadri sinottici che riorganizzano tutta la materia, consentendo al lettore di ritrovare subito le informazioni necessarie.

Le tabelle offrono non solo la descrizione e il commento del testo principale e delle variazioni apportate al D.Lgs, 81/08. Ma anche il nuovo quadro sanzionatorio, gli adempimenti e la versione completa del testo unico sulla sicurezza integrato dalle disposizioni di cui al D.Lgs. 106/2009. Uno strumento fondamentale, insomma, per facilitare la lettura del vecchio e del nuovo decreto ed avere le carte in regola con le nuove norme.

Il volume è, infine, arricchito con un commento al nuovo regime sanzionatorio del magistrato Alessio Scarcella.

Indice

Premessa

CAPITOLO 1 LE PRINCIPALI NOVITÀ INTRODOTTE

1.1 Ampliamento del campo di applicazione (articoli 2 e 3)

1.2 Rafforzamento delle prerogative delle rappresentanze in azienda (articoli da 47 a 50)

1.3 Valorizzazione degli organismi paritetici (articolo 51)

1.4 Creazione di un sistema informativo (articolo 8)

1.5 Finanziamento delle azioni promozionali private e pubbliche

1.6 Semplificazione di obblighi burocratici

1.7 Le sanzioni

1.8 Le disposizioni in caso di omicidio colposo e lesioni gravi

1.9 Richiamo a disposizioni del D.Lgs. 626/94

1.10 “Mini” regime transitorio

1.11 Le associazioni di volontariato

CAPITOLO 2 TABELLA DI COMPARAZIONE TRA LA NUOVA NORMATIVA E LE PRECEDENTI DISPOSIZIONI

CAPITOLO 3 IL QUADRO GENERALE DELLE NOVITÀ. IL NUOVO SISTEMA SANZIONATORIO

3.1 Il quadro degli infortuni: analisi delle cause

3.2 Le norme abrogate

3.3 Il dettaglio delle novità del nuovo decreto

3.4 Le sanzioni ed i riflessi sui soggetti della sicurezza

3.5 Sanzioni, parte speciale

3.6 Il principio della prevalenza della legge speciale rispetto alla legge generale
3.7 Obblighi per datori di lavoro e dirigenti

3.8 Le sanzioni penali ed amministrative di carattere generale per datori di lavoro e dirigenti

3.9 Disposizioni per il contrasto del lavoro irregolare

3.10 Le sanzioni penali ed amministrative di carattere speciale per datori di lavoro e dirigenti

3.11 Le sanzioni penali ed amministrative di carattere generale per progettisti, fabbricanti, fornitori e installatori

3.11.1 Le sanzioni penali ed amministrative di carattere generale e speciale per i lavoratori (subordinati ed autonomi)

3.12 Le sanzioni amministrative pecuniarie di carattere generale per i componenti dell’impresa familiare, i lavoratori autonomi, i piccoli imprenditori e i soci delle società semplici operanti nel settore agricolo

3.13 Le sanzioni penali ed amministrative pecuniarie di carattere speciale previste per i committenti, i responsabili dei lavori ed i coordinatori nell’attività di cantiere

CAPITOLO 4 LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA E LA SICUREZZA SUL LAVORO

4.1 L’applicabilità del D.Lgs. 231/01

4.2 Le sanzioni temporanee

4.3 Le sanzioni afflittive

4.4 I modelli di gestione (SGLS) quali misure di prevenzione

CAPITOLO 5 DATORE DI LAVORO, DIRIGENTE, RSPP E PREPOSTO

5.1 Il datore di lavoro

5.2 Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

5.3 Il Preposto

CAPITOLO 6 IL MEDICO COMPETENTE E LA SORVEGLIANZA SANITARIA

6.1 L’obbligatorietà della sorveglianza sanitaria

6.2 L’attività del medico competente

CAPITOLO 7 IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA

7.1 L’innovazione del Rlst

7.2 I Rls di sito

7.3 La valutazione del rischio

7.4 Gli organismi paritetici

APPENDICE DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008 n. 81

Attuazione dell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro

TITOLO I - Principi comuni

TITOLO II - Luoghi di lavoro

TITOLO III - Uso delle attrezzature di lavoro e dei dispositivi di protezione individuale

TITOLO IV - Cantieri temporanei o mobili

TITOLO V - Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro

TITOLO VI - Movimentazione manuale dei carichi

TITOLO VII - Attrezzature munite di videoterminali

TITOLO VIII - Agenti fisici

TITOLO IX - Sostanze pericolose

TITOLO X - Esposizione ad agenti biologici

TITOLO XI - Protezione da atmosfere esplosive
TITOLO XII - Disposizioni in materia penale e di procedura penale

TITOLO XIII - Norme transitorie e finali

ALLEGATI

ALLEGATO I - Gravi violazioni ai fini dell’adozione del provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale

ALLEGATO II - Casi in cui è consentito lo svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi (art. 10)

ALLEGATO 3A

ALLEGATO 3B - Informazioni relative ai dati aggregati sanitari e di rischio dei lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria

ALLEGATO IV - Requisiti dei luoghi di lavoro

ALLEGATO V - Requisiti di sicurezza delle attrezzature di lavoro costruite in assenza di disposizioni legislative e regolamentari di recepimento delle direttive comunitarie di prodotto, o messe a disposizione dei lavoratori antecedentemente alla data della loro emanazione

ALLEGATO VI - Disposizioni concernenti l’uso delle attrezzature di lavoro

ALLEGATO VII - Verifiche di attrezzature

ALLEGATO VIII

ALLEGATO IX

ALLEGATO X - Elenco dei lavori edili o di ingegneria civile di cui all’articolo 89 comma 1, lettera a)

ALLEGATO XI - Elenco dei lavori comportanti rischi particolari per la sicurezza e la salute dei lavoratori di cui all’articolo 100, comma 1

ALLEGATO XII - Contenuto della notifica preliminare di cui all’articolo 99

ALLEGATO XIII - Prescrizioni di sicurezza e di salute per la logistica di cantiere

ALLEGATO XIV - Contenuti minimi del corso di formazione per i coordinatori per la progettazione e per l’esecuzione dei lavori

ALLEGATO XV - Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili

ALLEGATO XV.1 - Elenco indicativo e non esauriente degli elementi essenziali utili alla definizione dei contenuti del PSC di cui al punto 2.1.2.

ALLEGATO XV.2. - Elenco indicativo e non esauriente degli elementi essenziali ai fini dell’analisi dei rischi connessi all’area di cantiere, di cui al punto 2.2.1.

ALLEGATO XVI - Fascicolo con le caratteristiche dell’opera

ALLEGATO XVII - Idoneità tecnico professionale

ALLEGATO XVIII - Viabilità nei cantieri, ponteggi e trasporto dei materiali

ALLEGATO XIX - Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi

ALLEGATO XX

ALLEGATO XXI - Accordo Stato, regioni e province autonome sui corsi di formazione per lavoratoriaddetti a lavori in quota

ALLEGATO XXII - Contenuti minimi del Pi.M.U.S.

ALLEGATO XXIII - Deroga ammessa per i ponti su ruote a torre

ALLEGATO XXIV - Prescrizioni generali per la segnaletica di sicurezza

ALLEGATO XXV - Prescrizioni generali per i cartelli segnaletici

ALLEGATO XXVI - Prescrizioni per la segnaletica dei contenitori e delle tubazioni

ALLEGATO XXVII - Prescrizioni per la segnaletica destinata ad identificare e ad indicare l’ubicazione delle attrezzature antincendio

ALLEGATO XXVIII - Prescrizioni per la segnalazione di ostacoli e di punti di pericolo e per la segnalazione delle vie di circolazione

ALLEGATO XXIX - Prescrizioni per i segnali luminosi

ALLEGATO XXX - Prescrizioni per i segnali acustici

ALLEGATO XXXI - Prescrizioni per la comunicazione verbale

ALLEGATO XXXII - Prescrizioni per i segnali gestuali

ALLEGATO XXXIII

ALLEGATO XXXIV

ALLEGATO XXXV

ALLEGATO XXXVI - Valori limite di esposizione e valori di azione per i campi elettromagnetici

ALLEGATO XXXVII - Radiazioni ottiche - Parte I

ALLEGATO XXXVI - Parte II

ALLEGATO XXXVIII - Valori limite di esposizione professionale

ALLEGATO XXXIX - Valori limite biologici obbligatori e procedure di sorveglianza sanitaria

ALLEGATO XL - Divieti

ALLEGATO XLI

ALLEGATO XLII - Elenco di sostanze, preparati e processi

ALLEGATO XLIII - Valori limite di esposizione professionale

ALLEGATO XLIV - Elenco esemplificativo di attività lavorative che possono comportare la presenza di agenti biologici

ALLEGATO XLV - Segnale di rischio biologico

ALLEGATO XLVI - Elenco degli agenti biologici classificati

ALLEGATO XLVII - Specifiche sulle misure di contenimento e sui livelli di contenimento

ALLEGATO XLVIII - Specifiche per processi industriali

ALLEGATO XLIX - Ripartizione delle aree in cui possono formarsi atmosfere esplosive

ALLEGATO L - (articolo 293, articolo 294, comma 2, lettera d), articolo 295, commi 1 e 2)

ALLEGATO LI - (articolo 293, comma 3) Segnale di avvertimento per indicare le aree in cui possono formarsi atmosfere esplosive

NOTE


 
 
 
 
 
 

 
Quantità

  Metti nel carrello
  esamina il carrello

  

  

EPC Editore su GeoExpo

Sicurezza

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12


La redazione del Documento di Valutazione dei Rischi

 

La valutazione del rischio chimico

 

Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (VI ed.)

 

Il preposto, il datore di lavoro ed i dirigenti nella sicurezza sul lavoro (IV ed.)

 

Il responsabile del servizio di prevenzione e protezione (X ed.)

 

Vademecum del coordinatore per la sicurezza nei cantieri temporanei o mobili (III ed.)

 

Testo unico per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

 

SICUREZZA NEI CANTIERI illustrata

 

Tutta la modulistica in materia di sicurezza sul lavoro

 

La formazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza

 

Manuale per l’applicazione del D.Lgs. 81/2008

 

Schede pratiche degli adempimenti normativi

 

Amianto - valutazione, controllo, bonifica (III ed.)

 

Sostanze chimiche pericolose: classificazione ed etichettatura

 

Corso di formazione su rumore e vibrazioni in ambiente di lavoro

 

Casi reali in materia di salute e sicurezza sul lavoro

 

Guida alla normativa di tutela della salute e sicurezza sul lavoro

 

La valutazione dei rischi nella pubblica amministrazione

 

Agenti fisici rumore, vibrazioni, campi elettromagnetici e radiazioni ottiche

 

La nuova normativa di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

 

Valutare e gestire lo stress lavoro-correlato

 

La sorveglianza sanitaria dei lavoratori

 

La normativa di sicurezza e salute nei cantieri

 

Manuale di primo soccorso nei luoghi di lavoro

 

 

 

   

Informazioni commerciali:

EPC Srl  - tel. 06 33245277 - fax 06 33111043 - email 
Informazioni sito web: GeoExpo by GEO group s.r.l. - tel. 0825 824256 - fax 0825 825363 - email 
   
Home Page geologi.it bar-2
bar-3